Grazia's Home: Calamari ripieni al sugo

Categorie:

SiciliaSecondi

  • mail

Un piatto facile e veloce, al sapore di mare, sprigionerà, oggi, un profumo straordinario che invaderà le vostre cucine.
La nostra Grazia ci propone un secondo ripieno di ingredienti freschi e genuini e di tutto il gusto della tradizione, mescolato a una buona dose di esperienza e ad un pizzico di fantasia. Il tutto ovviamente immerso nella meravigliosa atmosfera siciliana, perfetta per regalare, oltre che un pasto buonissimo ed equilibrato, anche un momento di pace e tranquillità, a tavola con la propria famiglia.
Buon appetito!

  • Costo:

    Basso
  • Difficoltà:

    Bassa
  • Preparazione:

    30 minuti
  • Cottura:

    20 minuti
  • Dosi:

    4 persone

Gli ingredienti:

8 calamari (freschi non surgelati) di media grandezza
0
500 kg di gamberetti
1 cipolla dorata
1 ciuffetto di prezzemolo
2 uova
pangrattato q.b.
1 l di passata di pomodoro
1 ciuffetto di finocchietto
olio extravergine di oliva q.b.
pepe q.b.
sale

La preparazione:

Per prima cosa, mettete a bollire le uova fino a che non diventeranno sode. Privatele del guscio e mettetele da parte. Ora pulite i calamari, svuotandoli bene e privandoli della pelle, degli occhi, della penna, e del becco. Sciacquateli e, dopo averli fatti scolare, staccate ali e tentacoli, che taglierete a pezzetti piccoli e farete rosolare leggermente in una padella con un po’ di olio e con qualche fettina di cipolla dorata. Ora riempite le sacche dei calamari in ordine: qualche gamberetto sgusciato crudo, qualche pezzetto di tentacoli e ali, un pezzo di uovo sodo e, per finire, formate un tappo di pangrattato condito con sale, pepe e prezzemolo tritato. Adesso, con l’iuto di uno stecchino, chiudete la sacca farcita. In un tegame, mettete un po’ di olio e una cipolla tritata finemente e fate rosolare leggermente i calamari, poi aggiungete la passata di pomodoro e qualche pezzetto di finocchietto, facendo cuocere a fuoco lento. Salate e non appena la salsa sarà cotta anche i vostri calamari saranno pronti.

Chiara Pirani

Seguici su facebook: