La Fantasia diventa Storia: FUORI STRADA

Categorie:

Curiosità

  • mail

Mi commissionarono un gusto che stupisse, che non rispettasse le regole, che fosse particolare, anticonvenzionale, unico.
Bisognava partire da qualcosa che piacesse a tutti, dal principe dei dolci, da quel sapore con il quale non si può sbagliare strada.

Intorno al cioccolato, però, era necessario costruire un percorso che illudesse di assaporare qualcosa di noto, di sicuro. Bisognava fingere all'apparenza, confondendo gli occhi, ma dando al palato una serie di certezze inconfondibili, una sicurezza che, pur mandando fuori strada, desse equilibrio e armonia al tutto.

Ad accompagnare il sapore intenso del cioccolato, ci volevano altri due ingredienti. Per prima cosa, optai per la croccantezza delle noci, perfette per sprigionare quel gusto particolare che le contraddistingue e che le rende perfette da abbinare al cioccolato, in tutta la loro "bellezza naturale".

Ma serviva, poi, un elemento contrasto, qualcosa che mandasse in visibilio le papille gustative, che le stupisse piacevolmente, qualcosa di inaspettato, capace di far "cambiare direzione" anche ai più scettici.

Scelsi il gorgonzola, ma tenni il segreto solo per me: lasciai che a rivelarlo a tutti fosse il gusto stesso, quel sapore particolare e intenso che nemmeno il più creativo si aspetterebbe in un gusto di gelato.
Non persi altro tempo: modellai quel percorso con la solita passione, curando nel minimo dettaglio tutti gli angoli, gli incroci, i semafori.

Quando fu finalmente pronto, lo portai a destinazione. Iniziò il viaggio.
Tutti chiusero gli occhi, assaporarono intensamente.
"Sei Fuori Strada", mi dissero, con uno sguardo strano, indecifrabile. Chiusero gli occhi di nuovo.
Uno di loro si alzò. Un sorriso gli si spalancò sulla bocca. Mi diede una pacca sulla spalla.
"Sei Fuori Strada, ottimo lavoro", e continuò ad assaporare quel gusto, come chi sa che un mix di sapori del genere è capace di far rimanere chiunque senza parole, di infondere il coraggio di osar cambiare direzione.

Chiara Pirani

Seguici su facebook: